1°  ANNIVERSARIO  DELLA  MORTE
DI  FRA  DAMIANO  COMES

*
INTITOLAZIONE  DELL’AUDITORIUM
DELLA  PARROCCHIA
ALLA  MEMORIA  DI  FRA  DAMIANO


Nella chiesa parrocchiale gremita di fedeli il nostro confratello monsignor fra Benigno Papa ha celebrato l’Eucaristia nel primo anniversario della morte di fra Damiano Comes, parroco della nostra parrocchia. L’affluenza dei fedeli ad un anno della sua morte, ci dice che la presenza di fra Damiano ha lasciato il segno nel cuore dei parrocchiani.
Diamo grazie al Signore per avercelo dato e per aver goduto dei suoi doni di cui era stato arricchito e della generosità  con cui li ha distribuiti a tutti.


Per volontà espressa dei parrocchiani e dei frati, e per ricordare il suo passaggio fra di noi, nella stessa circostanza l’Auditorium parrocchiale è stato dedicato a fra Damiano.
Subito dopo la celebrazione, il Vescovo ha benedetto la lapide e Fra Virgilio Forcillo ha tagliato il nastro davanti al popolo commosso e contento.  


A Padre Damiano
Stave indre a 'nu litte de 'spedale, ciuncate
Ma mai te n'è scurdate de metterne 'a mane 'ngape.


Eri in un letto d'ospedale immobilizzato,
Ma non hai mai dimenticato di darci la tua benedizione.


E' state 'u nonne, l'attane, 'u frate, 'u cumbagne e 'u pastore
E te n'è sciute citte citte, senza fa' rumore.


Sei stato il nonno, il padre, il fratello e il pastore
e te ne sei andato in silenzio senza far rumore.


Ma po' 'u rumore s'ha sendute, eccome ca  sa sendute.
Ere quidde de le lagreme 'u giurne dell'ulteme salute.


Ma poi il rumore si è sentito, eccome se si è sentito.
Era quello delle lacrime il giorno dell'ultimo saluto.


Indre e fore, a Chiesa chiena chiena
E nisciune ha venute sule pe fa scena.


La Chiesa pienissima, dentro e fuori
e nessuno è venuto solo per fare scena.


Stavene pure chidde ca 'a Chiesa a vedene de passaggie
Ma a te, honne ditte,  l'averane fa pe' forze n'omaggie.


C'erano anche quelli che la chiesa non la frequentano,
ma a te, hanno detto, dovevano farlo per forza un omaggio.


Granne, menzane,criature; e ci è ca no chiangeve
Ce bella resposte pe' ci è ca no' te canusceve.


Anziani, adulti, bambini: piangevano tutti!
Che bella risposta per chi non ti conosceva.


Cu te tenemme arrete aqquà, tande hamme prijate
Ma Criste accussì ha volute e accussì ha state.


Per tenerti di nuovo tra noi tanto abbiamo pregato.
Ma Cristo ha voluto così e così è stato.


Quanda vote ije e te hamme ragiunate
Ognie tande ha scappate pure qualche capuzzate.


Quante volte io e te abbiamo ragionato
qualche volta ci siamo anche scontrati.


Ma me ne sceve sembre chiù convinte ca a cangiarme 'a vite Tu è state.

Ma me ne andavo a casa sempre più convinto che mi hai cambiato la vita.

Ci appizze le recchie te sende, ci chiude l'uecchije te vede
Sacce ca me ste apprisse piccè Tu me l'è 'nsignate e mo tenghe 'a Fede.


Se tendo le orecchie ti sento, se chiudo gli occhi ti vedo
So che mi sei vicino perchè me l'hai insegnato tu e ora ho fede.


A starte rete no iere facefle, cirvidde e ijamme no' stavene maije ferme
E ijè proprie 'stu recorde ca me porte 'nu sorrise pure indre a 'stu lutte,
piccè so' secure ca ce 'nnanze a porte de San Pietre è 'cchiate 'a file,
Tu è mise 'a freccie e l'è passate a tutte.


A starti dietro era un impresa, mente e gambe non si riposavano mai.
Ed è proprio questo ricordo che mi strappa un sorriso anche in questo lutto.


Perchè sono sicuro che se davanti alla porta di San Pietro hai trovato la coda
tu hai messo la freccia e  hai sorpassato tutti.

  
Mario Fumarola, tuo debitore

Foto Francesco Schiavone